Futurama 6x04 - Proposition Infinity

Come nel caso dell'episodio precedente, anche questo contiene una certa componente "sociale". In questo caso però non viene parodiato uno degli aspetti della cultura moderna, ma viene affrontato un tema che riveste attualmente una certa rilevanza: il matrimonio omosessuale. No, non è Fry ad innamorarsi di Brannigan, ma Bender e Amy che si ritrovano coinvolti in un tornado di passione (in senso abbastanza letterale). Quindi si parla in effetti di relazioni robosessuali, ma l'analogia è chiara. Come accade spesso in Futurama, la "robosessualità" non è un'invenzione di questo episodio, ma un fenomeno che era già stato citato addirittura nell'episodio pilota, quando Bender chiedeva a Fry di non stargli troppo vicino appunto per non essere scambiati per robosessuali. E nell'episodio I Dated a Robot, veniva invece mostrato il tabu delle relazioni umane-robot, con tanto di filmato educativo sponsorizzato dal papa spaziale.

Sarebbe stato facile trasformare la puntata in un lungo apologo con la morale che non c'è niente di male in quello che accade tra due adulti consenzienti (o uno solo, come suggerisce Zoidberg), ma fortunatamente non va così. Ovviamente quando i due si impegnano per far approvare la legittimità del matrimonio tra uomini e robot è chiaro da quale parte stiano gli autori dello show, ma il giudizio etico non pesa sull'economia dell'episodio che rimane in ogni caso godibile.
È da notare che con questo episodio Amy si riconferma come il personaggio più promiscuo della serie. Infatti ha avuto relazioni praticamente con ogni personaggio maschile: Kif, Fry, Brannigan e Bender, oltre a una serie di comparse. E se si considera come "canone" anche l'universo alterno-fantasy di Bender's Game, vanno inclusi nel conto anche il Professore e Leela. Quindi non è difficile capire perché l'anfibio alieno verde decida di lasciarla all'inizio della puntata. Salvo poi tornare insieme alla fine, com'era prevedibile in questo caso (no, dai, questo non lo considero uno spoiler). Voto: 7

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...