Coppi Night 13/04/2014 - Dagon

È sempre un piacere accogliere uno di queli film sobaditsgood, che di solito sono horror rabberciati prodotti in Paesi poco riconosciuti per le loro abilità cinematografiche. Il caso precedente infatti era Troll 2, produzione italiana che ha segnato la storia come "best worst movie ever". In questo caso invece ad adattare il racconto di Lovecraft (!!!) ci pensa un'equipe spagnola, e i risultati non si fanno attendere.

Non voglio rovinare la visione, ma non c'è nessun pericolo nel rivelare che la storia è il classico "villaggio corrotto", in cui gli abitanti nascondono un segreto, che (come si scopre presto) è il culto verso una divinità pagana (il Dagon del titolo) che promette a tutti la vita eterna nell'oceano, che per essere ottenuta richiede necessariamente la lenta tramutazione in pesci. Abbiamo così i nostri sprovveduti eroi (che dovrebbero essere americani, ma lo sono solo perché lo dicono loro stessi) che si trovano isolati proprio in questo buco di mondo e si accorgono troppo tardi che qualcosa non va, quando ormai hanno contro tutta la deforme e afasica popolazione. Il finale mi è sembrato lo stesso della serie Mario, ma bisogna riconoscere che sia il racconto di Lovecraft sia questo film gli sono antecedenti, quindi o si tratta di un finale banale o il team di Maccio Capatonda ha pescato a piene mani negli archetipi dell'orrore.

Ora, la storia in sé ha sicuramente dei risvolti inquietanti, se la si pensa per come può averla pensata e scritta Lovecraft: gli umani semimutati, goffi e viscidi, che venerano un dio del mare (peraltro molto più pragmatico delle divinità cristiane), e scuoiano gli sparuti visitatori che gli capitano a tiro, può causare un brivido o due. Lo farebbe se il film, in ogni sua parte, non risultasse involontariamente comico, quasi parodistico. Dai dialoghi forzati, alle sequenze inutili, ai comportamenti improbabili, le inquadrature dubbie: tutto concorre per screditare a ogni minuto il presunto terrore che il film dovrebbe suscitare. Eppure questo è anche il punto di forza del film, perché proprio grazie a questa continua corsa agli armamenti di ridicolezza si è continuamente stimolati (a colpi di risate) a seguire con attenzione il film, e arrivati alla fine ci si può ritenere soddisfatti. La componente splatter non è determinante, anche se la scena dello scuoiamento del vecchio (che a quanto pare è morto davvero, visto che il film è dedicato a lui) è abbastanza forte, per il livello medio di quello che si vede prima.

C'è un altro particolare piuttosto insolito degno di nota: io ho visto la versione italiana, quindi non so se l'originale (in inglese o spagnolo che fosse) fosse stato concepito diversamente, ma alcuni personaggi parlano unicamente in spagnolo, senza alcun tipo di sostegno alla comprensione (sottotitoli, altri personaggi che fanno da interprete, ecc). E non mi riferisco al tizio casuale che passa per la strada e saluta il vicino di casa, ma a personaggi che parlano per far progredire la storia, e che quindi è cruciale poter comprendere. Mi chiedo come mai non siano stati doppiati o tradotti: se il film è girato in spagnolo, in effetti tutti parlano la stessa lingua, ma se invece è in inglese, questi parlano ugualmente in spagnolo, e pertanto non sono stati tradotti? Ma perché fare un ascelta del genere, soprattutto se il film si rivolge a un target internazionale (un anglofono capisce molto meno lo spagnolo di un italiano)? Altri misteri di cui solo i Grandi Antichi  conoscon la risposta...

2 commenti:

  1. Il racconto a cui è ispirato è La maschera di Innsmouth (ambientato a Innsmouth -> Imboca, mi pare) ovvero uno dei racconti più belli e famosi di HPL, nonché il mio preferito. La trasposizione secondo me è molto ben riuscita, nonostante a volte un po' limitata nei mezzi e con alcune modifiche alla trama. In altre parole: a me è piaciuto! :)

    Però non ricordo parti in spagnolo, o forse erano sottotitolate...

    RispondiElimina
  2. massì alla fine anch'io posso dire che mi sia piaciuto, però è sicuramente un film di livello bassino.

    le parti in spagnolo sono quelle già all'inizio in cui parlano col prete, lui parla solo spagnolo, e così molti altri del villaggio.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...