Uomini e spettri

Anche se vi ho propinato un autopromo solo pochi giorni fa, è passato un po' di tempo dall'ultima segnalazione della pubblicazione di qualcosa che mi riguarda. Quindi è con un certo entusiasmo che riporto l'uscita di:




Uomini e spettri è una raccolta di dieci racconti horror realizzata da Bel-Ami Edizioni per la collana Dieci Lune. Dieci autori italiani che hanno scritto dieci storie in cui gli "spettri" non sono soltanto creature soprannaturali, ma manifestazioni di quei fantasmi che ognuno porta dentro di sé, nei segreti più nascosti, nei dubbi più incofessabili, nelle violenze più abiette. Dieci racconti "forti", densi di significato ma vicini alla sensibilità di tutti.

E non dico questo solo perché ci sono dentro, ma perché conosco quasi tutti gli autori e molti dei lavori presenti nel libro. L'entusiasmo di cui parlavo sopra è dovuto anche al fatto che questo progetto, che ha avuto una gestazione pachidermica (nel senso letterale di "il tempo che ci mette un elefantessa"), mi ha coinvolto personalmente in un lavoro di condivisione e sostegno reciproco con alcuni "colleghi" conosciuti sul forum di Edizioni XII. Alla lunga lo scambio di impressioni e consigli si è rivelato proficuo, visto che ben otto dei dieci selezionati provengono dalle nostre fila. È quindi una bella soddisfazione non solo personale, ma anche "di squadra".

I racconti inclusi nella raccolta sono:

Una madre e una figlia di Antonino Alessandro
Pioggia di Marco Caudullo
Legami di Simone Corà
Il buio è dentro di me di Daniele Picciuti
Quando ritornano di Matteo Poropat
Presto, molto presto di Floriana Niobe Puccini
I cuori di Flora di Francesco Rago 
Il volo delle falene di Nicola Roserba
Lucifero in provetta di Francesco Stefanacci
La bella lavanderina di Andrea Viscusi

L'introduzione è di Alex Visani, e ogni racconto è arricchito da un'illustrazione di Francesco Perchiazzi.


Quanto al mio racconto, che per un democratico ordine alfabetico conclude il libro, posso solo dirvi di non farvi ingannare dal titolo: è piuttosto tetro, e anzi credo sia uno dei più tristi che abbia mai scritto. Forse un titolo meno leggero sarebbe stato più appropriato, ma proprio non me ne veniva in mente uno adatto. Quando l'avrete letto, potrete darmi la vostra opinione in merito. Munitevi quindi di una cesta di panni sporchi e avviatevi alla più vicina lavanderia a gettoni, dove il vostro destino vi attende.


I libri della Bel-Ami si trovano in libreria, e se non li trovate potete ordinarli. Se non volete alzare il culo dalla sedia dove vi trovate, l'e-shop della casa editrice vi permette di accaparrarvi una copia per la vantaggiosissima tariffa di 1 € a racconto.

3 commenti:

  1. Grande! Complimenti e poi la Bel-Ami è un'ottima casa editrice.

    RispondiElimina
  2. Siamo Grandi!
    E stavolta sto tra gli autori e non tra quelli che li fotografano ;-)

    RispondiElimina
  3. Fantastico! no no, quale e-shop, io lo voglio far arrivare in libreria! :)
    Grande Piscu, e grandi tutti! :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...