Coppi Night 19/05/2013 - Sucker Punch

L'avevo detto, un paio di settimane fa, che mi ero stancato di filmetti dimmerda, in particolare le commediole italiane, e la mia opposizione ha già trovato conferma la settimana scorsa con la proiezione di Looper e se l'è cavata bene anche stavolta, ma c'è anche da considerare che ero io a fare da Anfitrione e tutti i film da me proposti avevano a loro un modo un certo livello di "profondità".

Ora, in effetti, Sucker Punch, di cui avevo sentito parlare ma non avevo ancora visto, può apparentemente sembrare tutt'altro che profondo: nel senso, c'è un gruppo di sgualdrinelle, che di fatto fanno le ballerine/prostitute e una di queste pare sia parecchio dotata nel ballare e si costruisce tutta una serie di fantasie mentali che comprendono missioni alla Wolfenstein vs CoD vs Skyrim. Quindi, a prima vista, è tutto basato proprio sull'aspetto spettacolare delle cose, che siano le ragazze o i nazisti-zombie o le draghesse, e allora c'è ben poco da approfondire.

Tuttavia, credo che, nonostante l'apparenza volutamente kitsch delle ragazze truccate e lustrate, e dei mostri e delle armi che sfoderano nel corso delle loro "missioni", si possa davvero trovare un altro livello di lettura di questa storia. Non sono il tipo che va a cercare per forza i significati nascosti e metaforici, che coglie gli ermetismi e vede in ogni dettaglio un riferimento astruso, ma qui credo che il gioco sia abbastanza chiaro. Quello di Babydoll (e già il nome dovrebbe suggerire qualcosa) è un sogno all'interno di un sogno, ma non nello stesso modo in cui questo avviene in Inception, né come semplice scappatoia per mostrare delle vicende improbabili "perché tanto è un sogno". A ben vedere, le uniche parti "reali" di tutto il film sono l'inizio e la fine, e tuto il resto deriva dall'immaginazione della ragazza, forse un tentativo di fuggire dalla spietata realtà che la attende, ma non si tratta soltanto di fantasie, perché quello che lei "sogna" è in qualche modo una trasposizione alternativa di quello che le sta davvero accadendo intorno. Perciò, la drammaticità della sua condizione viene coperta con una patina sbrilluccicosa e frenetica, con la danza e i combattimenti (che mi hanno ricordato, per la struttura e i toni, quelli di Scott Pilgrim vs The World, che già avevo gradito molto).

E poi, a dirla tutta, non c'è proprio niente di male se, nel frattempo, si vedono robot e orchi, samurai giganti e mecha steampunk, oltre chiaramente a cosce e tette! Quindi il film, contrariamente alle mie stesse apsettative, risulta pienamente promosso, e potrà piacere anche a chi non se la sente di fare tutta questa ulteriore analisi meta-visuale in cui mi sono impegnato io.

2 commenti:

  1. L'ho visto con aspettative zero e devo dire che mi è piaciuto, nonostante sia diventato un po' refrattario all'iper-produzione e all'eccesso di effetti (e calo vertiginoso della sostanza) del cinema contemporaneo - questo tipo di cinema. Probabilmente non un capolavoro, ma mi ha lasciato un bel ricordo.

    RispondiElimina
  2. tuttavia questo film in particolare mi sembra che non faccia della spettacolarizzazione un obiettivo: le sequenze di combattimento sono alla fine dei conti delle fantasie, e per questo hanno ragione di essere frenetiche ed esagerate.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...