Coppi Night 10/03/2013 - I mitici

Decido di ignorare quella tradizione tipicamente italiana di assegnare sottotitoli, come a dire "aspetta, ok, dal titolo non si capisce di che sto parlando ma ti do un indizio". Quindi non includo qui sopra quel "Colpo gobbo a Milano", ma insomma il film è quello. Una delle tante commedie italiane che di quando in quando comparsano al Coppi Club. Per la verità credo che il film goda di una certa fama, quindi non sto a descriverlo.

Se solitamente sono piuttosto ostile, o quanto meno insensibile, alle trame (presunte o reali) e al tipo di comicità sfoggiato in questo genere di film, stavolta invece credo di poter esprimere un parere positivo. La storia della rapina organizzata da un gruppo di disperati è un classico, ma qui reso in maniera ottima (se si considera che non stiamo parlando di megaproduzioni hollywoodiane) e, per quanto possibile, avvincente. Il piano messo in opera può sembrare improvvisato e sgangherato, ma, nelle stesse condizioni, voi avreste fatto di meglio? Il paragone con il più recente, famoso e fortunato Ocean's 11 viene quasi naturale, ma è chiaro che qui non siamo agli stessi livelli... basta confrontare le due coppie di protagonisti dei rispettivi film per farsi un'idea: quelli de I mitici hanno tutto un altro appeal rispetto a questi due. Tuttavia, i diversi rivolgimenti della trama e le occasionali sorprese tengono viva l'attenzione. Al tempo stesso, al contrario di come spesso avviene nei film italiani, non si cerca a tutti i costi di portare in primo piano l'aspetto "sentimentale", credendo che sia questo a dare profondità al film. La storia rimane focalizzata sull'obiettivo finale, quello della rapina, e le digressioni sono poche. Ci sono alcuni accenni all'attualità dell'epoca, che parlano di disoccupazione, crisi (toh, anche allora?), corruzione e così via, ma sono note a margine, rilevabili ma non pesanti nell'economia del film. Anche il finale è ben studiato, non banale ma soddisfacente.

Una menzione va fatta anche ad alcune interpretazioni. Smaila è meno macchiettoso del solito, anzi piuttosto efficace nel ruolo del direttore omosessuale, e pure la Bellucci risulta gradevole mostrandosi molto più vicina alla sua forma naturale, in un tempo in cui non era la dama di classe che millanta di essere adesso.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...