Futurama 7x26 - Meanwhile / Nel frattempo

E così, ci risiamo. Futurama si trova di nuovo a dover scrivere un finale, e come le altre volte in circostanze piuttosto incerte. Ripercorriamo un attimo la storia: The Devil's Hands Are Idle Playthings non era un episodio concepito come finale, ma dopo le 4 stagioni su Fox c'era il sospetto che la serie non sarebbe stata rinnovata, pertanto si cercò di fare in modo che il potenziale ultimo episodio fosse una conclusione degna (e lo è, si tratta del mio episodio preferito ever!); in seguito, dopo che la serie viene riesumata per quattro film (cosa mai successa nella storia delle serie animate), la fine di Into The Wild Green Yonder era probabilmente un addio: "We don't know if we'll ever return" dice il Professore; senonché poi ritornano davvero, stavolta su Comedy Central, ma il contratto è solo per una stagione (26 episodi suddivisi in due blocchi di 13), quindi anche stavolta bisogna fare in modo che l'ultimo episodio sia valido, se dovesse davvero essere l'ultimo, e il risultato è il meraviglioso Overclockwise; ma poi CC rinnova per un'altra stagione, e siamo daccapo, l'ultimo del blocco deve essere abbastanza buono da poter essere la conclusione di tutta la serie. Che stavolta, probabilmente, è davvero.

Come tutti i finali, l'episodio si basa fortemente sul rapporto Fry/Leela, che da sempre è stato uno dei motori principali della storyline di Futurama. In questo caso però viene aggiunto anche un altro elemento perturbativo, uno di quelli forti, capaci di creare delle storie potenti: il viaggio nel tempo. Già sfruttato con risultati eccellenti in altre occasioni (da The Why of Fry a Bender's Big Score, fino all'eccezionale The Late Philip J. Fry, secondo mio episodio preferito ever!), questa volta però la formula è ancora diversa: un semplice apparecchio che alla pressione di un pulsante riporta l'universo di 10 secondi nel passato, mantenendo solo il suo utilizzatore immune da questo "reset". Il meccanismo però richiede a sua volta 10 secondi per ricaricarsi, quindi non si può usarlo di continuo per viaggiare indietro, ma si può al più ritornare costantemente al momento della prima pressione del comando. L'idea di Fry è che, in questo modo, si potrebbe rivivere infinite volte un momento particolarmente bello, ed è per questo che decide di tenerlo in mano nel momento in cui chiederà a Leela di sposarlo. Le cose poi si complicano, perché chiaramente quando c'è di mezzo il viaggio nel tempo viene fuori sempre qualche pastrocchio, e Fry rimane incastrato in un loop nel quale continua a morire ancora e ancora e ancora.

Il punto centrale tuttavia rimane proprio quello: il matrimonio tra Fry e Leela, un passo che sembrava quasi obbligato fin da quando la loro relazione si è consolidata (dalla stagione 6 in poi), e che per molti potrà sembrare melenso e scontato. Per uno spettatore occasionale in effetti può davvero apparire così, ma chiunque abbia seguito la serie con regolarità sa quanto questo passaggio fosse non solo auspicabile ma quasi obbligato. Il pubblico fedele di Futurama è troppo smaliziato per credere nel "vissero felici e contenti", ma l'affermazione del legame tra i due era ampiamente dovuta da molto tempo, e in questo senso la decisione di assecondare questa richiesta non si tratta di superficialità degli autori, e nemmeno di un semplice tributo ai fan: è un atto di rispetto nei confronti dei personaggi stessi, un riconoscimento del loro valore e della loro dignità. Fry e Leela meritavano di arrivare a questo, e gli autori lo hanno riconosciuto.

Il fatto che tutto ruoti intorno al matrimonio (per quanto sia un matrimonio particolare, e alla fine della puntata si possa discutere sul fatto che sia avvenuto o no) è allo stesso tempo la forza e il punto debole dell'episodio: nei precedenti finali infatti non avevamo solo Fry/Leela, ma anche un qualche tipo di contrasto, un avversario che si frapponeva e doveva essere sconfitto; nell'ordine: il Robodiavolo, The Dark One, Mom. Da questo punto di vista quindi Meanwhile non è avvincente quanto altri finali precedenti, ma la storia rimane comunque impressionante ed intensa. La conclusione ha l'amaro retrogusto del "reset button" tanto temuto anche nelle stagioni precedenti, quando si credeva che dopo i film la serie sarebbe tornata a uno stato precedente, in cui i sentimenti tra Fry e Leela sarebbero stati retconizzati. Ma è un reset comunque blando, che se cancella gli avvenimenti non ne cancella comunque le premesse, e fa quindi sperare che qualcosa di simile possa nascere comunque. Era d'altra parte necessario, come in tutte le occasioni precedenti, lasciare aperto il campo per un possibile ritorno della serie.

Perché sì, Futurama potrebbe tornare. Non perché qualcuno ci stia già lavorando, ma perché dopo tre resurrezioni la quarta non sembra così improbabile, e perché attualmente ci sono modi per far avanzare una serie che fanno a meno dei grandi network e produttori (crowdfounding, netflix et simila). Ma questo è argomento per un altro post.

Rimane quindi da stabilire: Meanwhile è un buon season finale? Sì, lo è sicuramente. È il miglior season finale? No, penso che ad esempio Overclockwise fosse più efficace in questo senso. Ma non importa, perché quello che era necessario si è compiuto, e a questo punto della magnifica storia che abbiamo visto, quasi commosso solo a pensare che questa è la FINE, non posso nemmeno costringermi ad assegnare un voto all'episodio, perché vorrebbe quasi dire giudicare l'intera serie, e non me la sento.

Per cui non concludo con un numero, ma con una parola: grazie.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...