Lost in Lost #13 - Ep. 3x11-3x15

Siamo a metà stagione, e il percorso dovrebbe farsi chiaro. Lo è davvero? Intanto ci si libera di qualche fronzolo, togliendo di mezzo gli inutili Niki e Paulo che si stavano facendo notare dall'inizio della stagione, durante l'episodio Exposé che nonostante tutto risulta piacevole, e risulta comodo come recap di quanto successo fin dai primi giorni dopo lo schianto del volo 815. In Par Avion Claire ha la tanto brillante quanto assurda idea di catturare uccelli migratori per mandare un messaggio all'esterno, e si scopre che è figlia di Christian Shepard, ovvero sorellastra di Jack. L'episodio è piuttosto inutile, ma serve a portare avanti il tema della morte annunciata di Charlie. Delle new entry, la più interessante è sicuramente Mikahil, il soldato russo che si spaccia prima come l'ultimo uomo della Dharma e poi è rivelato come uno degli Altri, ma che in ogni caso rivela qualche utile informazione sulla storia dell'isola e lo scontro tra le due fazioni. Scopriamo anche che Jack se la spassa nel villaggio idilliaco tra le montagne, e non gli passa manco per la testa di "essere salvato" dai suoi compagni. Fortunatamente ci pensa Locke a mandare tutto all'aria, in senso letterale, facendo esplodere il sottomarino (l'unico mezzo da e per l'isola) in The Man from Tallahasse, dove vediamo anche il suo malvagio padre tenuto in ostaggio dagli Altri. Tuttavia sentendosi compromessi, gli indigeni dell'isola se ne vanno, portandosi Locke con loro, e lasciano il gruppetto di stranieri (Juliet inclusa) lì dove si trovano, pertanto non gli rimane altro che tornare indietro alla spiaggia.

In effetti in questi episodi di novità ne abbiamo diverse. Conosciamo Mikahil nella sua stazione di comunicazione (la Fiamma) e veniamo a sapere dello scontro tra Altri e Dharma, vediamo dall'interno la deliziosa Otherville protetta dai piloni anti-Mostro (che scatta qualche incantevole foto a Juliet e Kate durante l'inseguimento), scopriamo il sottomarino e la facoltà per alcuni degli Altri di andare e venire a piacimento dall'isola (era già stato accennato quando Michael alla fine della seconda stagione viene fatto partire, ma finora non sembrava davvero possibile). Ci sono anche alcuni interessanti ritorni: il padre di Locke, Richard Alpert (finora visto di sfuggita un paio di volte nei primi episodi), e appunto il Mostro, che non vedevamo da parecchio. Insomma, di materiale ce ne sarebbe, il problema è che la sproporzione tra quello che accade sull'isola e nei flashback inizia ad essere irritante. Vedere Sayid confrontarsi con una sua vecchia vittima di tortura, scoprire che Jack e Claire sono fratellastri, assistere all'incontro tra Kate e la vecchia fiamma di Sawyer... sinceramente, a chi interessa davvero? L'unico flashback interessante è quello in cui scopriamo come Locke ha perso l'uso delle gambe, ma ce l'hanno fatto sudare per ben due stagioni e mezzo, quindi più che una scoperta è una liberazione. Paradossalmente infatti, il flashback di Exposé è quasi più interessante degli altri, anche perché contiene gustosi cameo di vecchie conoscenze come, Boone/Shannon, Ethan Rom e il dottor Arzt. Il mio spettatore sta iniziando ad apparire insofferente a questa tendenza, e questo deve rispecchiare pressappoco l'opinione generale del pubblico dell'epoca, che chiedeva una svolta decisiva nelle storyline dei personaggi, che è arrivata con il finale di stagione... ma non affrettiamo troppo le cose.

Passiamo alle previsioni della mia cavia sui prossimi eventi. Dovrà esserci un qualche confronto diretto tra Locke e suo padre, perché altrimenti non avrebbe avuto senso portarlo sull'isola. Non sembra probabile che Anthony Cooper (o qualunque sia il suo vero nome) possa essere uno degli Altri, ma la sua influenza sul figlio potrebbe di nuovo manifestarsi in qualche modo, convincendo John a fare qualcosa di tremendamente stupido (come far esplodere un sottomarino). Alla spiaggia i naufraghi dovranno conoscere Juliet, e probabilmente non saranno così entusiasti di averla con loro. In qualche modo Jack verrà a sapere che Clair è sua sorellastra, come era avvenuto nella prima stagione quando Sawyer gli racconta del suo incontro a Sydney con Christian Shepard. Che cosa deriverebbe da questo però non è chiaro, e forse nemmeno così interessante. E poi dobbiamo ancora scoprire dove ci porta il plot di Charlie: morirà davvero, o Desmond può continuare a salvarlo a tempo indeterminato?

2 commenti:

  1. Tutta la scena in The Man From Tallahassee tra John Locke e un adorabile Benjamin Linus in pigiama è una delle mie preferite di sempre!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "no john, non abbiamo una parola chiave per 'c'è qualcuno nel mio armadio che tiene in ostaggio mia figlia'"! è sempre un piacere vedere ben che si rigira come vuole locke...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...